Avete mai pensato di mangiare un fiore? E di inserirli in qualche piatto?

Avete mai pensato di mangiare un fiore? Beh, si può, ma dovete fare molta attenzione. Sì, perché sono tantissimi i fiori che puoi sfruttare in cucina. Il loro utilizzo risale addirittura alla civiltà cinese.
Pensate banalmente ai nostri fiori di zucca, o ai petali di rosa che decorano e danno profumo ai piatti tipici indiani.

I fiori danno colore, aggiungono un tocco primaverile ed esteticamente migliorano il piatto. Non solo, alcuni sono in grado di fornire alle preparazioni anche un sapore particolare e profumato.

Sfruttali in maniera creativa in insalate, dolci o bevande leggere e colorate.

Prima di consumare i fiori bisogna stare molto attenti. Devono essere edibili e non basta andare dal fiorista e comprare un mazzo di rose da spargere su una torta!

I fiori commestibili si acquistano online o in consorzi specializzati: cerca su internet il più vicino a te o chiedi nel tuo vivaio di fiducia se puoi ordinarne.

Altrimenti puoi coltivarli da sola in modo che non siano trattati con pesticidi e altre sostanze tossiche. Ci raccomandiamo di non utilizzare nel piatto fiori colti a caso o di ingerire anche pistilli e gambi!

Qualche fiore commestibile?

Slow Food ne ha catalogati 40, eccone alcuni: la borragine è un fiore blu che ha un sapore che assomiglia al cetriolo, la calendula è arancione ed è piccantina, il fiore giallo di finocchio sa di liquirizia, del girasole si può cuocere il cuore a vapore e ha un retrogusto di finocchio, la viola sa di menta.

Il cerfoglio sa di anice, il gelsomino viene usato per il tè, la lavanda è protagonista di molti dolci.

I petali di rosa vengono spesso sfruttati in cucina, sia per dare sapore che come decorazione. Ecco una ricetta per sperimentarli.

Crespelle alla crema di rose con fragole alla Malvasia

VEDI ANCHE

Crespelle alla crema di rose con fragole alla Malvasia

Riproduzione riservata