Spoja lorda con lo squacquerone

  • Procedura
    1 ora 5 minuti
  • Cottura
    5 minuti
  • Persone
    6
  • Difficoltà
    facile

Ingredienti

Crea la tua lista della spesa

Cosa comprare per

Spoja lorda con lo squacquerone

    Invia tramite Email Stampa la lista

    Preparazione

    200 g di farina + quella per infarinare + 2 uova
    1 cucchiaino di olio extravergine di oliva
    200 g di squacquerone o di crescenza o stracchino
    100 g di pecorino di fossa
    2 lt di brodo di carne (meglio se di gallina)
    noce moscata + sale

    1) Fate la pasta. Versate la farina a fontana sulla spianatoia, sgusciate al centro le uova, unite l'olio, sale e lavorate per almeno un quarto d'ora, finché la pasta risulterà soda, liscia ed elastica. Formate una palla, avvolgetela in pellicola e fatela riposare per 1ora a temperatura ambiente.
    2) Preparate il ripieno. Mettete lo squacquerone o lo stracchino in una ciotola, unite il pecorino grattugiato, profumate con noce moscata e amalgamate bene.
    3) Stendete la sfoglia. Stendete metà della pasta in una sfoglia sottilissima, poi tagliate il foglio a metà. Spalmate su una metà uno strato di composto di formaggio, di circa 2 mm di spessore con una spatola. Coprite con l'altro pezzo di sfoglia e passatevi sopra il matterello, senza premere.
    4) Completate. Ritagliate con la rotella dentellata la sfoglia "sporcata" a strisce di circa 2 cm di larghezza, poi procedete allo stesso modo nell'altro senso, ricavando tanti quadretti di 2 cm circa di lato. Trasferiteli su un vassoio infarinato e fateli asciugare per qualche minuto. Intanto, portate a ebollizione il brodo, immergetevi la "spoja lorda" e cuocetela per 2-3 minuti. Durante la cottura è normale che qualche quadratino di pasta si apra o che un po' di ripieno si disperda nel brodo insaporendolo. Servite caldo, accompagnando a piacere, con parmigiano reggiano a parte.

    un classico della cucina romagnola di antiche e povere origini, facile ed economico
    Riproduzione riservata