Idee in cucina

Riso in giallo con luganega

5/5
  • Procedura 30 minuti
  • Persone 4
  • Difficoltà facile

Ingredienti

CREA LA LISTA DELLA SPESA

Cosa comprare per

Riso in giallo con luganega


    invia tramite email stampa la lista
    Riso in giallo con luganega
    La trovi anche su:

    Preparazione

    1) Lasciate appena ammorbidire a temperatura ambiente 500 g di funghi porcini surgelati poi tagliateli a fettine di 2-3 mm di spessore. Soffriggete 1 cipolla tritata con 30 g midollo di bue (facoltativo) e 20 g di burro (in alternativa potete utilizzare solo 50 g di burro), unite poi 200 g di luganega spellata a pezzetti e fatela rosolare. 

    2) Aggiungete al soffritto 300 g di riso, tostatelo per un paio di minuti, irroratelo con 5 cucchiai di vino bianco secco caldo, lasciatelo evaporare completamente, poi bagnate con 2 mestoli di brodo di carne bollente. Cuocete il riso per 10 minuti, versando altro brodo, man mano che il riso lo assorbe e mescolando dopo ogni aggiunta.

    3) Mentre il riso termina di cuocere, scaldate in una larga padella poco olio extravergine d'oliva con 1 spicchio di aglio diviso a metà, unite le fettine di fungo porcino, mescolate, salate, pepate, profumate con 1 cucchiaio colmo di prezzemolo tritato e cuocete a fuoco medio per 3-4 minuti. Incorporate al risotto i porcini preparati (avendo cura di togliere prima le 2 metà d'aglio) insieme a 1 bustina di zafferano sciolto nell'ultimo mestolo di brodo. Mantecate con una noce di burro e servite in tavola.


    Facile e veloce da preparare, molto saporito, questo riso in giallo con luganega è la versione con i funghi del tradizionale risotto brianzolo. I porcini surgelati, che vi consigliamo di utilizzare se il prodotto in questione non è di stagione, sono molto delicati: se dovete utilizzarli per una qualsiasi preparazione, anche per un contorno per esempio, toglieteli dal freezer qualche minuto prima di utilizzarli e, appena iniziano ad ammorbidirsi, tagliateli con un coltellino. Quindi saltateli in padella a fiamma vivace, in modo da far evaporare rapidamente l’acqua di vegetazione.

    di IN TAVOLA Riproduzione riservata