La polenta, come usarla in cucina

Salutare, pratica e versatile.

Un alimento base

La polenta più comune è quella gialla, ricavata dalla macinazione del mais.
È molto ricca di  carboidrati, mentre contiene poche proteine di ridotto valore nutritivo. Per questo l'ideale è  abbinarla con alimenti proteici (carne, pesce, uova, formaggi,  legumi), creando così ottimi piatti unici. La polenta è molto saziante e  digeribile a patto di non esagerare con i sughi, che assorbe con grande  facilità. Priva di glutine, è adatta anche per i celiaci.  
La polenta tradizionale va cotta a lungo (40-60 minuti), mescolando perché non si formino grumi. Con le farine precotte, invece, si prepara in pochi minuti e il risultato è ottimo.  Già pronta, solo da scaldare.
In commercio si trovano anche i panetti  di polenta già pronta, che si scaldano interi a bagnomaria oppure a  fette o cubotti in padella o alla griglia.

Riproduzione riservata