Gratin di spaghetti e barba di frate

Foto
4/5
  • Procedura 55 minuti
  • Persone 4
  • Difficoltà facilissima

Ingredienti

CREA LA LISTA DELLA SPESA

Cosa comprare per

Gratin di spaghetti e barba di frate


    invia tramite email stampa la lista

    350 g di spaghetti
    1 mazzo di barba di frate
    1 carota + 1 porro
    2 pomodori a grappolo
    60 g di parmigiano reggiano grattugiato
    bacche rosa (conosciute anche con il nome di pepe rosa)
    burro
    olio extravergine di oliva
    sale e pepe

    IL GIORNO PRIMA
    1) Pulisci le verdure. Elimina le radici e le parti sciupate del mazzo di barba di frate . Lavalo più volte in acqua fredda, per eliminare le tracce di terra e sgocciolalo. Spunta e spella la carota. Priva il porro delle radichette e delle guaine esterne più dure. Lava carota e porro, poi taglia la carota a dadini e affetta il porro a rondelle sottili.
    2) Cuoci pasta e condimento. Lessa la barba di frate nella pentola in abbondante acqua bollente leggermente salata, per circa 5 minuti. Fai fondere una noce di burro con 2 cucchiai di olio nella padella. Rosola carota e porro per circa 2 minuti. Aggiungi la barba di frate sgocciolata. Insaporiscile con poco sale e cuoci a fiamma bassa per circa 3-4 minuti. Lessa gli spaghetti per circa 11 minuti o per il tempo indicato sulla confezione in acqua bollente salata. Scolali, versali nella padella del condimento e lasciali insaporire per qualche istante. Imburra la pirofila e versa gli spaghetti conditi con le verdure, alternandoli a strati di parmigiano (circa 30 g). Fai raffreddare, copri con pellicola per alimenti e conserva in frigo. 20 minuti prima di servire
    3) Inforna e servi. Lava i pomodori, asciugali, tagliali a cubetti e amalgamali agli spaghetti conditi. Spolverizza la pasta con il parmigiano rimasto. Fai fondere 50 g di burro con il pepe rosa. Versa burro fuso e pepe sulla preparazione, cuocila nel forno già
    caldo a 220°C per circa 15 minuti, falla gratinare per altri 5 minuti e servi.

    di CUCINA NO PROBLEM Riproduzione riservata