• Procedura
    2 ore
  • Cottura
    1 ora 30 minuti
  • Difficoltà
    facile

Ingredienti

Crea la tua lista della spesa

Cosa comprare per

Chutney di zucca allo zenzero

    Invia tramite Email Stampa la lista

    Preparazione

    Dosi per 6 vasi di 250 g:
    un kg di polpa di zucca privata di scorza e semi
    250 g di pomodori maturi
    250 g di mele Golden
    250 g di cipolle
    2 spicchi d'aglio
    60 g di uvetta sultanina
    350 g di zucchero di canna
    350 g di zucchero semolato
    7,5 dl di aceto di mele
    2 cucchiaini di zenzero fresco grattugiato
    una stecca di cannella
    sale
    pepe garofanato

    1) Sbollentate i pomodori, privateli di pelle e semi e tagliateli a fette. Sbucciate le mele, eliminate i semi e tagliatele
    a pezzi lasciando il torsolo. Tagliate a pezzetti anche la zucca. Sbucciate e affettate le cipolle.
    2) Riunite gli ingredienti preparati in una casseruola da conserva, unite l'aglio sbucciato, le spezie, l'uvetta e l'aceto
    (tutti gli ingredienti tranne lo zucchero e il sale). Mescolate bene, mettete sul fuoco e portate a ebollizione. Abbassate
    la fiamma e proseguite la cottura per 20 minuti circa, finché la zucca si sarà ammorbidita.
    3) Unite i due tipi di zucchero e un cucchiaino di sale e riportate a ebollizione, sempre mescolando. Proseguite la
    cottura a fiamma medio-bassa, mescolando spesso, per circa un'ora, fino a quando avrà raggiunto una consistenza
    simile a quella di una confettura.
    4) Eliminate la cannella e distribuite il chutney bollente nei vasi sterilizzati, chiudeteli ermeticamente, capovolgeteli e
    lasciateli così per una ventina di minuti, prima di rimetterli in posizione normale. Tempo di riposo: un mese (ma migliora
    con il tempo). Da conservare in ambiente asciutto e lontano dalla luce. Durata un anno e mezzo circa (una volta aperti i
    vasi, conservate il chutney in frigorifero e consumatelo in pochi giorni). Da servire con piatti di carne, pollame e pesce,
    lessati o arrostiti; formaggi freschi e semistagionati.

    Riproduzione riservata