Brodo di cardi e volarelle

  • Procedura
    1 ora 50 minuti
  • Cottura
    1 ora 10 minuti
  • Persone
    6
  • Difficoltà
    media

Ingredienti

Crea la tua lista della spesa

Cosa comprare per

Brodo di cardi e volarelle

    Invia tramite Email Stampa la lista

    Preparazione

    Ingredienti
    1,5 l di brodo di tacchino o di pollo
    150 g di rigaglie di pollo o tacchino
    3 uova
    1 cucchiaio raso di conserva di pomodoro
    1 cardo di media grossezza
    300 g di carne di manzo macinata
    50 g di burro
    1 bicchiere di vino bianco secco
    150 g di pecorino abruzzese grattugiato
    2 dl di olio extravergine di oliva
    1 limone
    sale

    Per le volarelle:
    200 g di farina
    1dl di acqua
    1/2 l circa di olio extravergine di oliva

    Setacciate la farina sulla spianatoia e impastatela con l'acqua fredda. Lavorate l'impasto per 15 minuti, poi
    avvolgetelo in una pellicola per alimenti e fate riposare 30 minuti.
    Tirate una sfoglia abbastanza sottile, dalla quale andrete a ritagliare dei quadretti di 1,5 cm di lato. Poi friggeteli
    nell'olio extravergine (foto) e metteteli da parte.
    Pulite bene il cardo, togliete i filamenti esterni e la pellicola bianca. Tagliatelo a pezzetti e mettetelo in una
    terrina con acqua salata e acidulata con il limone (foto), poi lessatelo.
    Mescolate in una ciotola la carne macinata, 70 g di pecorino grattugiato, 1 uovo e salate.
    Preparate delle polpettine grosse come un cece e friggetele in olio extravergine e burro (foto).
    Tagliate a dadini le rigaglie e lasciatele soffriggere in olio extravergine e burro. Unite il vino bianco e lasciatelo
    evaporare.
    Aggiungete i cardi, dopo averli ben scolati, e la conserva di pomodoro (foto), che avrete fatto sciogliere con un
    cucchiaio di acqua.
    Versate sui cardi il brodo bollente e anche le polpettine, poi proseguite la cottura per altri 15 minuti.
    Sbattete le uova rimaste e versatele a filo nel brodo, mescolando abbastanza velocemente. Servite la zuppa con le
    volarelle a parte e il resto del pecorino.

    Riproduzione riservata