Torta ai carciofi

/5
  • Procedura 1 ora 15 minuti
  • Persone 4
  • Difficoltà facile

Ingredienti

CREA LA LISTA DELLA SPESA

Cosa comprare per

Torta ai carciofi


    invia tramite email stampa la lista copia negli appunti

    La torta di carciofi è una versione rivisitata della famosa “torta pasqualina”. Ancora oggi molte donne di casa liguri fanno a gara a preparare quella originale, che prescrive ben 33 sfoglie sottilissime, tante quanti gli anni di Gesù. Una volta tutto era rigorosamente casalingo: anche per il ripieno si usava una formaggella, o “prescinseua”, che veniva preparata in casa con latte e caglio. Oggi si trova anche pronta.

    • 1

      Fate una fontana con la farina mescolata a un pizzico di sale e versate al centro 2 cucchiai di olio, il vino bianco e altrettanta acqua tiepida; lavorate gli ingredienti aggiungendo eventualmente ancora poca acqua in modo da ottenere una pasta liscia ed elastica. Formate un cilindro e dividetelo in 6 parti; coprite con un telo umido e lasciate riposare per 10-15 minuti.

    • 2

      Pulite i carciofi, tagliateli a spicchietti e fateli cuocere con 2 cucchiai di olio, lo spicchio di aglio e, se necessario, qualche cucchiaio di acqua; quando saranno teneri, eliminate l'aglio, salate, pepate e profumate con una manciata di foglioline di maggiorana. Lavorate la ricotta con il grana, un pizzico di sale e di pepe; incorporatevi 2 uova, poi i carciofi ormai tiepidi.

    • 3

      Stendete i 6 panetti di pasta in sfoglie sottili. Ungete di olio una tortiera di 24 cm di diametro e foderatela con una sfoglia; spennellatela di olio, poi coprite con le altre 2 sfoglie, sempre unte di olio.

    • 4

      Trasferite il ripieno sulle sfoglie, livellatelo con un cucchiaio, poi formate 4 fossette usando un mestolino e sgusciatevi le uova rimaste. Coprite con le altre 3 sfoglie, ciascuna unta di olio, poi ripiegate i bordi.

    • 5

      Cuocete la torta salata ai carciofi in forno preriscaldato a 180° C per circa un'ora. Servite la torta salata ai carciofi come antipasto o secondo. Secondo tradizione si porta a tavola a pranzo di Pasqua. È perfetta anche a Pasquetta al posto della focaccia dedicata al tradizionale pic nic.

    Scelti per te